Cerca insegnamenti o docenti



Sociologia delle professioni - programma
Sociology of Professions - programma

Stampa questa pagina

STEFANO NERI , responsabile dell'insegnamento

Corso di laurea in MANAGEMENT PUBBLICO (MAP) (Classe L-16) Immatricolati dall'a.a. 2014/2015 - Laurea - 2016/2017

Insegnamento obbligatorioNo
Anno di corso3
Periodo di svolgimentoprimo trimestre
Settori scientifico disciplinari
  • SPS/09 - Sociologia dei processi economici e del lavoro
Crediti (CFU) obbligatori6
Crediti (CFU) facoltativi-

Informazioni generali

Obiettivi: Conoscenza e comprensione
Il corso fornisce agli studenti le conoscenze teoriche per studiare in una prospettiva sociologica le professioni, quale fenomeno sociale nonché principio di regolazione del lavoro caratteristico delle società contemporanee. Fornisce agli studenti il quadro del dibattito attuale sulle professioni, elaborato nel campo della sociologia delle professioni e della sociologia del lavoro.

Conoscenza e capacità di comprensione applicate
Tra gli obiettivi principali del corso, vi è quello di mettere in grado gli studenti di applicare le conoscenze apprese per riconoscere e analizzare le logiche d'azione dei gruppi professionali nelle dinamiche del mercato del lavoro, nelle arene politiche e sociali e nelle organizzazioni, sia nel settore pubblico che in quello privato, utilizzando l'apparato concettuale proprio della sociologia delle professioni.

Autonomia di giudizio
Il corso mira a sviluppare le competenze che permettano agli studenti di raccogliere le informazioni e i dati necessari a identificare il ruolo delle logiche d'azione professionali nei fenomeni sociali, economici e politici, al fine di elaborare in modo autonomo una propria interpretazione dei comportamenti osservati.

Abilità comunicative
Lo studente del corso deve acquisire adeguate abilità comunicative, con particolare riguardo all'utilizzo del linguaggio specifico della sociologia delle professioni, tali da consentirgli di descrivere i comportamenti e le logiche di azione dei gruppi professionali nelle arene politiche e sociali, nel mondo del lavoro e nelle organizzazioni pubbliche e private. Deve altresì essere in grado di discutere e argomentare le proprie opinioni e tesi in merito a temi e situazioni, proposte dalla letteratura o osservabili nella realtà, connesse a questo filone di studi.

Capacità di apprendere
Tra gli obiettivi del corso, vi è lo sviluppo di capacità di apprendimento autonomo per l'analisi e l'interpretazione dei fenomeni sociali, economici e politici nei quali abbiano rilievo la regolazione e l'azione collettiva esercitata dai gruppi professionali, in modo da consentire agli studenti di approfondire autonomamente lo studio di tali fenomeni utilizzando l'approccio proprio di questa disciplina.

Lingua dell'insegnamento: Italiano

Metodi didattici: Lezioni frontali

Programma di studio

Programma: Il concetto di professione: occupazioni e professioni; le dimensioni dell’ideal-tipo di professione. Le professioni nei classici della sociologia. Il professionalismo come principio di divisione del lavoro alternativo a mercato e gerarchia. Ascesa, affermazione e relativo declino delle professioni nell’età contemporanea.
Le professioni sanitarie. I medici: il processo di professionalizzazione. La dominanza medica e il dibattito sulla sua persistenza. La riforma degli ordini professionali

Short course description english flag

The course provides the theoretical elements to study, from a sociological perspective, the professions as a social phenomenon and professionalism as a principle of division of labor which is alternative to market and hierarchy. It gives a critical review of the different approaches to professions, from the classical sociological theory to the current debate, providing the students with the instruments to grasp the complexity of the behavior of professional groups in different contexts such as the political and social arena, the labor market and public and private organizations.

Bibliografia e altri materiali didattici: I testi di riferimento, per frequentanti e non frequentanti, sono:
1) Speranza L. (1999), I poteri delle professioni, Soveria Mannelli, Rubbettino;
2) Freidson E. (2002), Professionalismo. La terza logica, Bari, Edizioni Dedalo;
3) Vicarelli G. (2010), Gli eredi di Esculapio. Medici e politiche sanitarie nell'Italia Unita, Roma, Carocci

A lezione, verranno fornite indicazioni più specifiche sui testi di riferimento per gli studenti frequentanti.

Modalità di esame, prerequisiti, esami propedeutici

Esame in un'unica volta o suddiviso in partiunico
Modalità di accertamento conoscenzeEsame
Giudiziovoto verbalizzato in trentesimi

Prerequisiti e modalità di esame L'esame è scritto ed è volto a verificare:
- la conoscenza e capacità di comprensione delle teorie illustrate nel corso e nei testi indicati come materiale di riferimento, in modo tale da mettere in grado gli studenti di cogliere la rilevanza del fenomeno delle professioni e delle logiche professionali come principio di divisione e di regolazione del lavoro;
- la conoscenza del dibattito attuale sulle professioni, elaborato dalla sociologia delle professioni e dalla sociologia del lavoro;
- la capacità di applicare le conoscenze e la comprensione, per riconoscere e analizzare le logiche d’azione dei gruppi professionali nel mercato del lavoro, nelle arene politiche e sociali e nelle organizzazioni pubbliche e private, utilizzando l’apparato concettuale proprio della sociologia delle professioni;
- lo sviluppo di un'autonoma capacità di giudizio che permetta agli studenti, anche mediante la raccolta delle informazioni e dati necessari, di analizzare criticamente il ruolo delle professioni nei fenomeni sociali, economici e politici, nonché di elaborare una propria interpretazione delle dinamiche e comportamenti osservati.
- l’acquisizione di abilità comunicative, con particolare riguardo all’utilizzo del linguaggio specifico della sociologia delle professioni, tali da consentirgli sia di descrivere i comportamenti dei gruppi professionali nelle arene politiche e sociali, nel mondo del lavoro e nelle organizzazioni pubbliche e private, sia di discutere e argomentare le proprie opinioni e tesi in merito a temi e situazioni, proposte dalla letteratura o osservabili nella realtà, connesse a questo filone di studi;
- lo sviluppo di capacità di apprendimento autonomo per l’analisi dei fenomeni sociali, economici e politici nei quali abbia rilievo l’azione collettiva esercitata dai gruppi professionali, in modo da consentire agli studenti di approfondire autonomamente lo studio di tali fenomeni.

Organizzazione della didattica

Settori e relativi crediti

  • Settore: SPS/09 - Sociologia dei processi economici e del lavoro - Crediti: 6
Attività didattiche previste

Lezioni: 40 ore

Ricevimento Docenti

Orario di ricevimento Docenti
DocenteOrario di ricevimentoLuogo di ricevimento
STEFANO NERI , responsabile dell'insegnamentoMartedì, ore 12.15-14.15. Nelle settimane 11-23 settembre il ricevimento si svolgerà martedì 12 settembre, ore 14.30-16.30 e mercoledì 20 settembre, ore 12-14Dipartimento di Scienze Sociali e Politiche - Stanza 6. Palazzina nuova (stesso edificio delle aule 10, 11, 12, 13).